‘a freva

abbascio nfunno ce sta’ coccos’

ca nun và e ca nun siente

pecchè a parole

nisciuno votta e nient da’

e poi te firme pe nun suffrì…

 

un post alla vecchia maniera, proprio come un diario…

non ci sto capendo un cazzo, con rispetto parlando.

perdo il controllo.

il controllo è qualcosa che si esercita per paura. perché tutto quanto su cui non abbiamo controllo ci fa paura? perché inaspettatamente può colpire, e se colpisce alle spalle siamo sicuri che farà più male. non sempre è vero, ma la paura non la controlli…se non con il controllo. poi capita che non puoi controllare e allora ti manca la terra da sotto ai piedi.

e mi manca la terra da sotto i piedi, e mi manca uno spazio in cui sentirmi sicura, in cui sentirmi soddisfatta, in cui prendermi cura di me.

e mi manca qualcosa, che forse è la voglia di stare bene, una voglia che sia forte abbastanza da aiutarmi a dire “vott a fernì sta stagione”.

perché mi sono legata a troppe cose che non ci sono più, e che mancano tutte insieme, troppe, troppo forte, troppo…

perché se lasci andare, vorresti lasciar andare le redini tutte insieme, e cominciare da capo che è più semplice.

ma non si può, non lo vedi? non si può…

 

Annunci

Selfcare…

 

il proverbiale tran-tran. poco tempo per sé, aspetti i saldi e quel – l’altro proverbiale – lunedì per prenderti cura di te, iniziare la dieta, ricordarti di prendere le vitamine – ti fanno bene! – e un frutto al giorno e blablabla…
Se, come me, ogni giorno è una sfida con la paposcia, beh, ricordati della domenica!
la domenica è la giornata in cui la pigrizia vince, ma a qualunque ora ti svegli è un buon momento per lavarti il viso con le tue cremine, metterti lo smalto con calma e aspettare che si asciughi guardando un po’ di tv, magari un po’ di clio make-up che ti rinforza i propositi di self-care.

Eppoi domani, sì, è lunedì, domani è Quel Lunedì, perfetto per i saldi.
don’t wear it out!

 

 

e se ti senti un perdente, beh, cantalo! andrà subito meglio 🙂